News: UbuntuBible diventa social-ready

2 commenti

UbuntuBible, giunto al suo 4° anno di attività, si affaccia nel mondo dei social network più diffusi per venire incontro ad un’utenza sempre più esigente in termini di interazione e di rapidità nell’accesso al servizio.

Social Network: quali sono i vantaggi dell’utente?

- news giornaliere su aggiornamenti alle guide, nuovi articoli, informazioni dal mondo dell’open-source;
– possibilità di ricevere aiuto e consigli su problemi tecnici;
– dibattere tematiche inerenti;
– mettere a disposizione la propria esperienza per aiutare altri utenti;
– conoscere nuove persone con in comune un nobile interesse;
– possibilità di contattare direttamente l’autore per richiedere/consigliare nuove guide.

E’ quindi possibile da oggi seguire UbuntuBible sia da Facebook sia tramite Twitter, e ricordatevi per cercare la pagina/il contatto digitare ubuntubible tutto attaccato ;).

Francesco Miglietta

Game 5: installare Urban Terror in Ubuntu Linux

11 commenti

Urban Terror è uno degli FPS online più giocati, grazie a fattori quali la fluidità del motore di gioco, il realismo degli scontri a fuoco e la compatibilità con sistemi operativi Linux-based. Il motore di gioco è una modifica dell’io-quake, il celebre motore usato dall’ID Software per Quake III Arena rilasciato dalla stessa casa produttrice come codice sorgente, liberamente usabile. All’interno del gioco è possibile scegliere fra una vasta varietà di armamenti, mappe e modalità del gioco, (Capture The Flag, Team Deathmatch, Free For All,..); essendo il motore di rendering un gioiello di programmazione, è possibile giocare ad Urban Terror con requisiti minimi di un’altra era, (netbook compresi): Pentium III 600 Mhz, 128 Mb RAM, Scheda Grafica 3D con 64 Mb VRAM.

Architetture supportate: 32 bit – 64 bit (Ubuntu 10.04 Lucid Lynx).
Versione supportata: Urban Terror 4.1 (changelog).

Vediamo ora come installare l’ultima versione di Urban Terror in Ubuntu Linux.

Altro

Guida 9: configurare account GMail in Ubuntu Linux

3 commenti

GMail, il servizio di posta elettronica di Google, è uno fra i mail-provider più utilizzati al mondo, grazie senz’altro alle vaste risorse hardware in possesso della multinazionale. Questa guida permetterà di configurare un account GMail usando come client di posta Evolution, programma installato di default in Ubuntu; sono supportati i protocolli POP3 e IMAP per la ricezione e SMTP per l’invio.

Architetture supportate: 32 bit – 64 bit (Ubuntu 10.04 Lucid Lynx).
Versione supportata: Evolution 2.30.1 (changelog).

Vediamo ora come configurare correttamente un account GMail in Ubuntu Linux.
Altro

Guida 3: installare Ubuntu Linux da chiavetta USB

15 commenti

L’installazione di Ubuntu Linux da chiavetta USB ha notevoli vantaggi rispetto a quella tradizionale tramite dispositivo ottico. Tra i più rilevanti si possono elencare: la velocità di scrittura dell’immagine ISO sulla chiavetta, la velocità di installazione del sistema operativo dalla chiavetta, la possibilità di installare il sistema su netbook e computer sprovvisti di lettore CD/DVD, poter provare il sistema live con prestazioni molto simili a quelle su hard-disk.

Architetture supportate: 32 bit – 64 bit (Ubuntu 10.04 Lucid Lynx).
Versione supportata: UNetbootin 4.71 (changelog).

Vediamo ora come installare Ubuntu Linux da chiavetta USB, partendo da sistema operativo Linux o Windows.

Altro

Guida 5: installare The Gimp in Ubuntu Linux

2 commenti

Per eccellenza il programma di fotoritocco in ambiente Linux, The Gimp è uno strumento indispensabile nell’ambito del foto-editing amatoriale e semiprofessionale grazie ad un’intera gamma di funzioni che lo rendono paragonabile a programmi proprietari del calibro di Adobe Photoshop.

Architetture supportate: 32 bit – 64 bit (Ubuntu 10.04 Lucid Lynx).
Versione supportata: The Gimp 2.6.8 (changelog).

Vediamo ora come installare l’ultima versione di Gimp in Ubuntu Linux.
Altro

Guida 15: installare Google Chrome in Ubuntu Linux

4 commenti

Chromium è il browser open-source da cui deriva Google Chrome, il noto programma basato sul motore di rendering WebKit, programma diventato famoso grazie a fattori quali velocità, semplicità grafica e integrazione col motore di ricerca Google.

Architetture supportate: 32 bit – 64 bit (Ubuntu 10.04 Lucid Lynx).
Versione supportata: 6.0.461 (changelog).

Altro

Guida 13: programmare in Fortran in Ubuntu Linux

10 commenti

Il Fortran è il primo linguaggio di programmazione ad alto livello e, in generale, uno dei primi linguaggi di programmazione della storia dell’informatica. Nato nel 1954 per girare su hardware di un’altra era, è stato aggiornato di generazione in generazione, fino ad arrivare alla sua versione odierna che prende il nome di Fortran 90/95.

Grazie all’estrema velocità derivata dalla sua rigida sintassi, il Fortran è il linguaggio di programmazione per eccellenza in ambito scientifico/ingegneristico e in generale del calcolo numerico ed è per questo ancora oggi insegnato nelle università ed utilizzato nei laboratori scientifici, nei centri di calcolo, nei super-computer per simulazioni fisiche, di tutto il mondo.

Architetture supportate: 32 bit – 64 bit (Ubuntu 10.04 Lucid Lynx).
Versione supportata: Geany 0.18.1 (changelog).

Viene riportato, a questo indirizzo, un articolo di confronto fra il Fortran e il linguaggio C, sulle motivazioni tecniche della superiorità di calcolo del primo sul secondo; se ne consiglia la lettura.

Vediamo ora come installare un ambiente di programmazione Fortran in Ubuntu Linux.

Altro

Older Entries

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 25 follower